IMG_8159

Corina Bomann è un’autrice tedesca che ha esordito nella narrativa con l’isola delle farfalle. Ed è anche il romanzo con cui si è fatta conoscere al pubblico italiano e che ha sedotto i lettori grazie a una prosa poetica e diretta. Ho letto tutti i suoi libri tradotti in Italia, e non potevo lasciarmi scappare anche Il fiore d’inverno, pubblicato a ottobre con la casa editrice Giunti.
Mi sento di avere gli elementi necessari per confrontare le opere dell’autrice e, purtroppo, continuo a ribadire che nessun libro possa battere la bellezza del suo romanzo d’esordio, ma restano comunque delle piacevoli letture.
Il fiore d’inverno è una storia in perfetto clima natalizio, una di quelle storie capaci di scaldarti il cuore e di cullarti con il suo tepore. Il romanzo è ambientato nel 1902, quando una violenta tempesta si abbatte sulle spiagge di Heiligendamm sul Mar Baltico. Una notte indimenticabile, tra la bellezza e l’eccitazione per i preparativi del gran ballo di Natale e tra il ritrovamento di una ragazza senza memoria. L’autrice ci presenta l’abbiente famiglia Baabe, proprietaria di un albergo, e i suoi componenti, tra cui i figli Cristian e la giovane Johanna, combattuta tra rincorrere il vero amore e accontentare la volontà dei suoi genitori.
Abbiamo tra le mani una dolcissima storia di intrecci e di segreti, di rancore e di amore, di buoni sentimenti e di gelosie, di complicità e di amicizia. Una lettura davvero scorrevole e ricca di colpi di scena, anche se abbastanza prevedibili, ma che riusciranno a farvi visitare luoghi mai visti prima e di farvi respirare l’aria invernale e il freddo del mare.
Mi piace paragonarla a una fiaba, con i cliché che comporta, ma capace di trascinarti verso mete lontane e a confonderti tra la gente locale. Visto il periodo natalizio, trovo che sia la lettura più indicata per questo clima di festività, grazie anche alla spiegazione della tradizione del rametto di Santa Barbara.

Una libro che non può mancare nella vostra libreria, soprattutto se cercate qualcosa a lieto fine e che vi lasci il cuore gonfio di buoni propositi.

Lucrezia Scali
Written by Lucrezia Scali

Leave a Comment