FF8C6FDD-D27E-4D5B-BD57-454C87303A6E

Firenze e Dolomiti, due realtà diverse sotto ogni punto di vista ma unite da uno stesso destino. Due donne, due sorelle che la vita ha indirizzato verso strade diverse, ma che finiranno per ritrovarsi di nuovo. Un’eredità inaspettata è la miccia che fa innescare questa storia, portando Agnese a raggiungere la sorella a Firenze, nella città in cui è nata e cresciuta ma che non vedeva da diverso tempo.
L’autrice ci presenta le due sorelle, andando a sottolineare, già dall’età adolescenziale, le doti di Michela e i difetti, se così vogliamo chiamarli, di Agnese.
Si percepisce fin dalle prime pagine una certa rivalità, qualcosa che ha consumato il loro rapporto e le ha portate ad allontanarsi così tanto. Immaginate di vivere in una famiglia dove la vostra sorella maggiore viene vista come quella più bella, quella più amata, quella più in forma, mentre voi siete sempre quella meno, quella meno bella, meno estroversa, meno magra.
Agnese alimenta questo senso di inadeguatezza che la logora, che la fa sempre sentire nel posto sbagliato, e a niente serve rimettersi in pista se non si riesce a superare i fantasmi del passato. Nonostante Agnese sia riuscita a riscattarsi, sia dal punto di vista lavorativo che famigliare, si sente sempre in competizione con Michela che, a differenza sua, ha concluso poco e niente. Perchè il passato non si dimentica e ritorna, quando meno te l’aspetti, a torturarti nel presente.
Un passato, quello descritto da Silena Santoni, che si affaccia in una Firenze anni settanta, tra i corridoi del liceo e dell’università e tra le vie grigie della città si muoveranno i nostri personaggi in cerca del loro posto nel mondo. Tante piccole schegge che sono rimaste conficcate nella pelle.
Una ragazza affidabile è il risultato di una storia che ha dell’incredibile, presenta tutti gli ingredienti per tenerti incollato alle pagine e lasciarti con un finale inaspettato. Un colpo di scena che, vi garantisco, vi manderà dritti al tappeto. Questi sono i romanzi che rendono vivo l’amore per la lettura, quelli che ti riempiono e ti svuotano allo stesso tempo.

Lucrezia Scali
Written by Lucrezia Scali

Leave a Comment