27332365_1604878609620227_2967491713753200691_n

La ragazza delle perle è il quarto volume della saga “Le sette sorelle” di Lucinda Riley. Come ho già detto più volte, ho conosciuto l’autrice grazie al suo romanzo d’esordio Il giardino degli incontri segreti e da quel momento me ne sono innamorata. Se non l’avete già letto, vi consiglio di rimediare immediatamente!Il punto di forza di questa saga è che ogni libro può essere anche letto non in ordine di uscita e, vi assicuro, che seguirete comunque il filo logico, nonostante qualche piccola lacuna. Ogni volume è dedicato a una delle sorelle e ripercorre il viaggio che la protagonista dovrà affrontare per cercare le proprie radici. Finalmente l’attesa è finita ed è arrivato il momento di conoscere meglio il personaggio di Cece, una delle sorelle più introverse e dalla vena artistica.
Come per gli altri volumi, anche in questo caso si parte dal momento della morte del padre adottivo e dalle poche informazioni che ha lasciato alle sue figlie per cercare le loro origini. Uno degli indizi da cui iniziare è una vecchia foto in bianco e nero e una meta lontana: l’Australia. Infatti, il romanzo si articola tra presente e passato, intrecciando al presente la storia di Cece e al passato quella di Kitty Mcbride.
Rispetto ai volumi precedenti, viene a mancare qualche approfondimento legato alla misteriosa morte di Pa’e le dinamiche che legano le varie sorelle. Devo dire che risulta leggermente sottotono rispetto agli altri volumi, ma questo non è un vero e proprio difetto in quanto mette più in luce il personaggio di Cece che era sempre nell’ombra. Il lettore impara a conoscerla meglio, capisce il sentimento che la lega a Star e il perchè del suo comportamento, spesso troppo duro e da mamma chioccia. Quello che mi ha colpito di più di questo quarto volume è il personaggio di Kitty e la sua storia, senza togliere niente a Cece ma devo mettere le loro avventure su due piani diversi. Inutile negare il trasporto che ho provato nei capitoli ambientati a inizio 900 e il desiderio di tuffarmi tra quelle pagine e non perdermi una sola parola. Qui la Riley ha dato il meglio di sè, raccontando una storia intensa, avvincente e delicata, una di quelle che vi scuoterà il cuore. Non mi resta che attendere il nuovo romanzo dedicato alla sorella Tiggy e vedere se il mio sesto senso sulla settima sorella non sbaglierà.

Lucrezia Scali
Written by Lucrezia Scali

Leave a Comment